x

STR@MBO

 

 

 

STRAMBO: “… singolarmente strano o stravagante, imprevedibile… “

STR@MBO, lo STREAM BOX by REGGIO HIFI.

 

 

STR@MBO è una famiglia di prodotti nata per valorizzare al massimo la tua musica.

  • Architettura Intel per il massimo delle prestazioni.
  • Hardware robusto, certificato per lavorare 24 / 7 con bassissimi consumi e senza rischio.
  • Impostazioni mirate al miglior risultato ottenibile
  • Sistema operativo ottimizzato per lo specifico Hardware
  • Architettura modulare per meglio assecondare ogni specifica esigenza
  • Ampia scelta di Software applicativi preinstallati
  • Preconfigurato per la migliore esperienza di ascolto

 

Dedicato a tutti, anche ai meno esperti o a chi semplicemente non vuole ‘impazzire’ con comandi da terminale, dispone di una facile ed intuitiva interfaccia web per l’amministrazione.

Lo Str@mbo incorpora l’esperienza maturata nel realizzare gentooPlayer, Squeezelite-R2 e C-3PO, alcuni dei componenti maggiormente utilizzati per la musica liquida, che gli autori hanno voluto ‘confezionare’ nello Str@mbo per  renderli disponibili  al massimo delle loro potenzialità.

Oltre a questi, sono disponibili  Squeezelite, Mpd, UPNPDcli, BubbleUPNP, NetworkAudioDaemon (NAD), RoonBridge, Shayrport-sync, Spotifyd, HQPlayer, HQPlayer embedded,  RoonServer e MinimServer (*)

Noi consigliamo e consegniamo lo Str@mbo impostato per Squeezelite-R2 lato client ed LMS (Logitech Media Server) con  C-3PO attivo lato server o in configurazione Ibrida.

Questa soluzione garantisce altissime prestazioni, è super collaudata (milioni di utenti al mondo)  e priva  di ulteriori costi di licenza o canone.

E’ possibile in qualsiasi momento attivare le altre  opzioni, ma prova questa prima, difficilmente vorrai cambiare, è una promessa.

Potrai ascoltare la tua musica in uno qualsiasi dei tantissimi formati supportati o accedere ai tuoi servizi di streaming preferiti anche in alta risoluzione, come Spotify, Deezer, Qobuz e Tidal (**), ascoltare radio internet e, nei paesi in cui è possibile, accedere ai servizi di emittenti come la BBC ed ai loro fantastici canali tematici (***).

Il tutto da un piattaforma che puoi comandare comodamente da App dedicate, disponibili sia per IoS che Android e Windows (****) oppure da browser.

(*) i marchi sono proprietà dei rispettivi proprietari, per alcuni software è prevista l’acquisizione di una specifica licenza d’uso aggiuntiva.
(**) per alcuni servizi di streaming è necessaria la sottoscrizione di un abbonamento, da acquistarsi separatamente.
(***) alcuni servizi sono soggetti a restrizioni da parte dei rispettivi fornitori.
(****) Le App sono disponibili nei relativi stores, alcune prevedono un costo aggiuntivo.

**************************************************************************************************************************

( presentazione a cura di Marco Curti, sviluppatore Str@mbo)

Ma veniamo allo Str@mbo.

Lo Str@mbo è uno streamer realizzato mediante una architettura a tre livelli:

- Player

- Server

- Controller

a differenza di altre soluzioni simili, i tre livelli sono completamente virtuali e possono essere distribuiti indifferentemente sulla stessa macchina o su macchine diverse connesse in rete tra loro.

Senza scendere in dettagli troppo tecnici, il compito del player è quello di ricevere uno stream dal server e trasferirlo alla porta USB e da questa al DAC nel modo più ‘ fluido’ possibile.

Detta così è semplice, ma cosa vuol dire ‘fluido’? Per il momento diciamo che meno cose deve fare la CPU del player, più lavora in modo ‘fluido’. C’è molto di più, ma ci torneremo.

La cosa più ovvia, quindi, è ‘separare’ il controller ed utilizzare uno smartphone o un tablet allo scopo.

Già questo consente di evitare  mouse, tastiera, schermo e  scheda grafica, gli ultimi due di gran lunga i componenti più ‘rumorosi’ in un normale PC e tutti, essendo destinati all’interazione con l’utente, origine di interruzioni ad alta priorità alle attività del sistema.

Esattamente quello che lo Str@mbo si pone come obiettivo di evitare, per ottenere prestazioni superiori.

Per questo motivo lo Str@mbo integrato è già preferibile a molte soluzioni basate su sistemi operativi commerciali (come windows) con centinaia di processi destinati a gestire componenti assolutamente inutili a nostri scopi, come l’antivirus, ad esempio.

ll Server svolge funzioni fondamentali, come la gestione della liberia, il ‘supporto’ alla navigazione, l’accesso ai servizi di streaming o ai files su dischi locali o remoti,…  funzioni che, allo stesso modo, interferiscono con il compito ‘principale’ del player.

Poter spostare TUTTE le attività di controllo e servizio, come la gestione e navigazione della libreria su un Hardware diverso da quello dedicato al player, è una caratteristica del sistema che mette quest’ultimo  in condizione di operare al meglio e svolgere il suo compito, che è solo quello di

1. prendere i dati in arrivo dal server,

  1. decodificarli (se serve) nel formato richiesto.
  2. pacchettizzarli ed inviarli via USB al DAC.Quando il formato di input è lo stesso di quello di output (es. PCM non compresso) 2 è un ‘ponte’ che non fa praticamente nulla.

Quest’ultima  è la situazione  più desiderabile perché permette di minimizzare le ‘perturbazioni’ (IRQ) dovute alla gestione stessa dei buffer ed è possibile grazie a Squeezelite-R2.

Bisogna però prenderne vantaggio e qui interviene il sistema operativo (gentooPlayer), i suoi diversi Kernel compilati per l’hardware specifico ed il certosino lavoro di ottimizzazione svolto per lo Str@mbo.

Collegandosi allo Str@mbo player mentre suona, si vedranno attivi pochissimi processi, tipicamente 8, di cui solo 2 lavorano e sono l’input e l’output di Squeezelite-R2, contro le decine tipicamente attive in una macchina windows, pur ottimizzata.

Questi processi, poi, lavorano NON secondo i tempi del DAC, inseguendolo, ma sono asincroni, cioè ricevono dati dal server per come questo è in grado di inviarli e fino a che c’è ‘spazio’ nei buffer, per poi fermarsi e limitarsi ad inviare pacchetti via USB al DAC secondo il tempo stabilito dal bitrate e dal fluire, regolare, della musica.

La memoria de Lo Str@mbo è voluamente sovradimensionata, quindi tipicamente, per i primi 2/3 secondi il processo di input lavora un po’, poi, per il resto della durata del brano, si può tranquillamente staccare il cavo di rete e… continua a suonare, con un uso di risorse pari praticamente a 0.

Lavora in RAM, tanto quanto e meglio di un RAM DISK.

Il ‘costo’ è un leggero ritardo (qualche millisecondo) alla partenza del primo brano o se si cambia traccia con il fast forward, oltre ad una piccola ‘latenza’ che ai fini della riproduzione è del tutto ininfluente.

Sono tutti parametri regolabili a piacere e che hanno una fondamentale importanza nel consentire quel funzionamento ‘fluido’ e realmente gapless di cui si parlava prima.

Perché succeda, esattamente come perché il cavo USB comporti variazioni del suono, è oggetto di discussioni infinite e non del tutto chiaro, ma non perché sia ‘magia’.

Nel 2001 partecipai in Hydrogenaudio (AES) ad una di queste ed è da li che nacque l’idea di Squeezelite-R2 e C-3PO (in abbozzo) solo per dimostrare con misure che non era follia o suggestione.

I tecnici conclusero che si, effettivamente qualcosa succede, ma “nei limiti di tolleranza di un sistema consumer” e per loro il problema era chiuso.

Grazie, come a dire che se sta entro i +/- 3db va bene.

Sia chiaro che stiamo parlando di differenze ben più piccole, ovvio, ma non nulle, quel tipo di differenze capaci di fari spendere cifre ben più importanti, nell’era dell’analogico o del CD.

Qualcuno ai tempi battezzò il fenomeno come “jitter causato dal software” e mise sul mercato un ‘rigeneratore’ USB, sono poi usciti isolamenti galvanici, reclocker e diavolerie varie, tutte utili ma non risolutive.

Divertiti a selezionare Kernel diversi per lo Str@mbo e/o a giocare con i parametri di ALSA e ne sentirai delle belle.

Fallo, è istruttivo, anche se la USB dello Str@mbo è già di suo di alta qualità e per questo meno sensibile, molto dipende dall’interfaccia del DAC, che è dove i dati diventano musica, ‘cadenzati’ dal clock.

Lo Str@mbo fa il possibile per ‘disturbarla il meno possibile’, di più non è lecito chiedere ad un network player.

Non voglio però svicolare la domanda che certamente ti stai ponendo: Perché dovrei comprare lo Str@mbo quando potrei usare lo stesso software, gratuitamente, su un SoC da poche decine di euro?

La risposta è allo stesso tempo semplice e complicata:

Quella semplice è: Perché suona meglio.

Quella complicata è: Perché  suona certamente meglio, non ti serve diventare esperto di linux  e contribuisci a sostenere lo sviluppo di questi ed altri prodotti software che potranno migliorarne ulteriormente le già eccezionali prestazioni.

Partecipando da quasi vent’anni ormai a diversi fora/ gruppi mi è capitato tantissime volte di imbattermi in persone che facendo da se hanno assemblato sistemi che magari suonano, ma sono ben lontano dalle prestazioni  massime ottenibili e magari poi se ne lamentano. Non c’è cosa che mi urta di più.

Se ascoltando lo Str@mbo nel tuo impianto, a confronto con qualsiasi meccanica CD ed a parità di DAC non deciderai di spegnere definitivamente il CD, ti restituiamo i soldi spesi, è una promessa, ma non succederà, ne siamo sicuri.

Ultima nota, la stessa configurazione dello Str@mbo è utilizzata in prodotti commerciali che costano circa 10 volte tanto e NESSUNA è così completa.

Gamma Disponibile:

  1. Lo Str@mbo. Solo Player, deve essere collegato in rete, cablata o wireless, noi consigliamo cablata e tramite questa ad un Server compatibile, non necessariamente un Lo Str@mbo Server.

 

  1. Lo Str@mbo Server. Deve essere collegato in rete, preferibilmente cablata e tramite questa ad uno o più players compatibili, non necessariamente Lo Str@mbo.

 

  1. Lo Str@mbo Integrato. Può funzionare sia da player che da server, ma anche come soluzione integrata, svolgendo in tal modo entrambe le funzioni sullo stesso Hardware. Non è la soluzione consigliata essendo qualitativamente inferiore ad una soluzione con player dedicato. Può evolvere in una soluzione con Server separato.

Configurazioni ed accessori:

Per Str@mbo Server ed integrato sono disponibili tre modelli diversi, essenzialmente, solo nell’aspetto esteriore:

  1. Senza ventole e senza dischi, simile a quello del player (in alcune configurazioni di dimensioni più grandi).
  2. Senza ventole con un solo disco SSD (capacità a richiesta).
  3. Con ventole ed alloggiamenti per 4 dischi HDD, stile NAS. Non silenzioso e per questo inadatto a stare in sala d’ascolto, va installato in un ambiente diverso.

In tutti i casi è possibile collegare HDD esterni via USB - non consigliato - ed accedere a condivisioni di rete o NAS. I dischi eventualmente collegati a Str@mbo server possono essere condivisi in rete.

Per Str@mbo Player è disponibile ed altamente consigliato l’ALIMENTATORE LINEARE DEDICATO, in sostituzione di quello switching originario. E’ disponibile e consigliato anche per l’integrato, mentre per il server non è particolarmente utile, ma si può utilizzare quello dell’Integrato.

 

PREZZO: a partire da € 800 a seconda della configurazione

 

Per ogni informazione su prezzi ed altro contattaci direttamente:

info@reggiohifi.it   Tel. 3355286751

Per un ascolto di persona prenota un appuntamento in Showroom - Link a PRENOTAZIONE

REGGIO HIFI Showroom

Via Brolo Sotto 6, Chiozza di Scandiano RE

 

#ilsuonolemozione

 

x